La Val di Zoldo e le Dolomiti UNESCO

La Val di Zoldo si colloca fra le aree più significative delle Dolomiti UNESCO, Patrimonio dell’Umanità per motivi geologici e paesaggistici. Le montagne che le fanno da cornice sono formate da rocce capaci di proiettare chi le ammira in un viaggio nel tempo lungo circa 150 milioni di anni.

La monumentalità, l’eterogeneità e gli incredibili contrasti cromatici di queste montagne sono gli elementi scenici di un paesaggio antico e suggestivo, in grado di toccare profondamente l’animo di chi le visita e le vive.

Scopriamo insieme questo territorio unico nel suo genere, perfetto per una vacanza di coppia o di famiglia per amanti dello sci, dell’escursionismo e della Natura.




Val di Zoldo




Monte Pelmo

Il Pelmo è una montagna delle Dolomiti di Zoldo che raggiunge i 3.168 m s.l.m., posta ad est del passo Staulanza, separando la val di Zoldo e la val Fiorentina dalla valle del Boite. Il suo aspetto peculiare, rappresentato da due monoliti, è una caratteristica distintiva di questa montagna, conosciuta dai locali come “il trono di Dio”, per l’ampio avvallamento del circo glaciale visibile dal suo lato orientale, che lo fa assomigliare ad una sedia.




Marmolada

La Marmolada è un gruppo montuoso delle Alpi orientali al confine tra la provincia di Trento e la provincia di Belluno. La Marmolada (detta la Regina delle Dolomiti) ha un nome dalle origini ancora incerte. Qualora non fosse connesso con il latino marmor "marmo", potrebbe derivare da una radice indoeuropea attestata in greco marmar-, che significa "splendere" con evidente riferimento al suo ghiacciaio.




Il Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi

Il Parco sorge al margine delle Alpi sud orientali, in zone molto impervie rimaste libere dai ghiacci nel corso delle glaciazioni del Quaternario (circa 10-12 mila anni fa). L’estensione del Parco si colloca interamente nella Regione Veneto, in Provincia di Belluno. Val di Zoldo è la porta Nord del Parco con la magnifica area della Val Prampèr.




Monte Civetta




La catena del Monte Civetta

La catena montuosa della Civetta è un bellissimo luogo dove è ancora possibile vivere la solitudine. Il massiccio della Civetta (3220 m), insieme alla Moiazza (che ne costituisce la propaggine meridionale) forma un gruppo tra i più imponenti della regione dolomitica. La parete nord della Civetta è chiamata nell'ambiente alpinistico "la parete delle pareti" per i numerosi itinerari di arrampicata, molti anche di elevata difficoltà. Dalla cima del Monte Civetta verso est è ben visibile il Monte Pelmo (3168 m) in tutta la sua straordinaria bellezza, seguito dall’Antelao (3264 m), dalle cime e dalle vallate del Cadore. Verso nord-ovest la Marmolada (3343 m) e il gruppo del Sella (3152 m), verso sud-ovest il gruppo del San Sebastiano e le cime del parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi. La vista si sofferma sulle vallate di Zoldo e dell’Agordino.




Il villaggio degli alpinisti Bergsteigerdorf

Un posto autentico, immerso nella natura incontaminata delle Alpi. Un territorio capace di ispirare ed educare il suo visitatore ad un approccio virtuoso nei confronti della montagna e dell'ambiente. Nasce da un progetto partito nel 2014 nel cuore delle Dolomiti ed è parte di questa realtà internazionale ampiamente diffusa in Austria, Slovenia e Germania. Si tratta di villaggi rilevanti dal punto di vista alpinistico e paesaggistico, con operatori turistici preparati nel fornire informazioni generali, dalla percorribilità dei sentieri alle curiosità del folklore locale.




L'area sciistica della Val di Zoldo

La Val di Zoldo, con le stazioni sciistiche di Pecol (1388 m), gestita da Val di Zoldo funivie Spa, e Palafavera (1520 m), gestita da Palafavera Srl, fa parte del Comprensorio di Ski Civetta: 72 km di piste da sogno. Si tratta di una delle zone più nevose delle Dolomiti, in grado di offrire ai visitatori paesaggi indimenticabili. Le aree sciisitiche della Val di Zoldo includono la maggior parte del Comprensorio Ski Civetta, con ben 35 km di piste collegate alle ski aree di Alleghe e Selva di Cadore.

 

Prenota il tuo viaggio

I nostri consigli:

  • Cosa mettere in valigia: scarpe da trekking, macchina fotografica
  • Libro da leggere: Guida all'orientamento naturale per l'escursionista di Tristan Gooley
  • Periodo consigliato: tutto l'anno
  • Viaggio da fare: in famiglia o in coppia
  • Aforisma: I Monti sono maestri muti e fanno discepoli silenziosi. (Johann Wolfgang von Goethe)

Leggi altri articoli

VUOI ESSERE IL PRIMO A RICEVERE SCONTI ESCLUSIVI?

Iscriviti alla newsletter

  • Acconsento alla cessione della mia email a terzi per finalità di marketing secondo l'informativa resa (art.5.6);

Per assicurare una ottimale navigazione ed altri servizi offerti, questo sito è predisposto per consentire l'utilizzo di Cookies. Continuando si accettano i Cookies secondo l'informativa consultabile a questo link