Siena: 10 cose da non perdere per nulla al mondo

Siena, città toscana e terra di dolci colline, si distingue per i suoi edifici medievali ed i sapori antichi. Qui troverete storia, tradizione, borghi medievali e sentori di Rinascimento. Se state pensando di trascorrere qui le vostre prossime vacanze, scoprite i prodotti tipici, ed i luoghi da non perdere!




Duomo di Siena





Piazza del Campo

Piazza del Campo, la piazza centrale dalla caratteristica forma a ventaglio, è sede del Palazzo Pubblico (il municipio in stile gotico) e della Torre del Mangia, dalla cui bianca merlatura si gode di una vista stupenda. Le diciassette storiche contrade (i quartieri cittadini) si estendono proprio a partire dalla piazza. Piazza del Campo è considerata una delle più belle piazze del mondo: la sua caratteristica forma di conchiglia a 9 spicchi è un particolare che si può ammirare solo dall’alto della Torre del Mangia. Dal 1300 ad oggi è qui che si concentra la vita cittadina ed è questa la sede del famoso Palio. Oggi Piazza del Campo è il luogo turistico per eccellenza:  tutta la piazza è circondata da belle ed imponenti facciate di palazzi nobiliari. Il rito turistico per eccellenza prevede che ci si sieda a terra ad ammirare il pezzo di cielo che si apre sopra la piazza!




Il Palazzo Pubblico di Siena

Il Palazzo Pubblico di Siena è il luogo per eccellenza del potere politico in città. Dal Governo dei Nove (che nel 1300 rese Siena bella come la vediamo) ad oggi, tutti i governanti di Siena hanno risieduto qui. Il Palazzo Pubblico di Siena è considerato uno dei più bei palazzi civili d’Italia, da sempre ammirato per la maestosità e l’armonia. Una bellezza che si percepiva già durante la costruzione e che spinse il Governo cittadino ad emettere un editto che obbligava i proprietari delle case di Piazza del Campo a costruire i palazzi in coerenza stilistica con il Palazzo Pubblico ma non più belli e grandi. Nel Palazzo trovate anche il Museo Civico di Siena, con i famosi affreschi di Ambrogio Lorenzetti che rappresentano l’Allegoria del Buono e Cattivo Governo.




Il Duomo

Non fate come gran parte dei turisti di passaggio per Siena: non limitatevi a vedere Piazza del Campo, Palazzo Pubblico e la Torre del Mangia! La Cattedrale dell’Assunta, capolavoro del romano-gotico italiano ubicata al centro di Piazza Duomo (proprio sopra Piazza del Campo) è un luogo di una bellezza sconvolgente! Già solo la facciata in marmo bianco vi lascerà senza parole. Entrando, dalla cupola, alle volte agli archi della navata centrale, passando per il pavimento intarsiato (per esigenze di conservazione parzialmente ricoperto da un tavolato in prossimità del presbiterio) fino alla meravigliosa Libreria Piccolomini; non c’è metro quadro di questa chiesa che non racconti la meravigliosa storia cittadina. Oltre alla Cattedrale, del complesso del Duomo fanno parte anche la Cripta, il Battistero ed il Museo dell’Opera. Un itinerario bellissimo ed assolutamente imperdibile!




Rocca Salimbeni

Palazzo Salimbeni è la sede storica del Monte dei Paschi di Siena dai primi del XV secolo, allorché la Repubblica di Siena provvide a confiscare il complesso immobiliare alla potente famiglia Salimbeni.al dine di ospitare vari uffici pubblici (tra i quali il Monte di Pietà!). Dopo l’Unità d’Italia, anche gli attigui Palazzo Tantini e Palazzo Spannocchi finirono con l’essere inglobati nella banca. Nella seconda metà dell’Ottocento e poi, nuovamente, negli anni Settanta del secolo scorso, il Monte dei Paschi è stato interessato da importanti lavori di restauro e ristrutturazione che ne hanno attualizzato il caratteristico stile gotico-senese. Questo bellissimo complesso è aperto gratuitamente al pubblico la mattina del 2 luglio, giorno del Palio di Provenzano e quella del 15 agosto, giorno precedente al Palio dell’Assunta. Tuttavia, dal lunedì al venerdì, dalle 9:30 alle 14:30 è possibile visitare gratuitamente il Cortile della Dogana ed il piano terra della Rocca Salimbeni, dove si trova l’Archivio storico della banca ed alcune delle opere d’arte della collezione.




La Libreria Piccolomini

La Libreria Piccolomini, dedicata a Papa Pio II, colpisce per la ricchezza dei suoi affreschi, ad opera di Pinturicchio e dei suoi allievi, tra i quali Raffaello Sanzio agli inizi del 1500. Ammirate, dunque, le pareti della Libreria (che raccontano scene dalla vita di Papa Pio II) ed il soffitto, splendente per l’uso abbondante del color oro. La Libreria Piccolomini è un vero piccolo gioiello, da non perdere!




Panorami Senesi





Parco Orti dei Tolomei

Qui troverete ad attendervi una vista mozzafiato sulle colline toscane. Per raggiungere questo bellissimo parco, ideale da visitare con i bambini, da Piazza del Campo basta seguire Via Giovanni Dupré, una via stretta e molto graziosa con bar, pasticcerie e qualche negozietto. Arrivando in fondo alla via vedrete la Fontana della Contrada dell'Onda con un delfino nel mezzo. A questo punto girate a destra in Via Sant'Agata e poi subito a sinistra seguendo le indicazioni per il parcheggio “Il Campo”. Prendete, dunque, la stradina verso destra e raggiundete gli Orti dei Tolomei! Si tratta di un autentico pezzo di campagna in mezzo alla città con olivi ed alberi a frutto. Normalmente, in estate, è anche luogo di concerti e spettacoli ma offre un bellissimo panorama sulla città in ogni stagione! Un luogo perfetto per riposarsi, fare un pic nic e portare i bambini a giocare! Gli Orti ospitano anche la scultura in travertino The Drop di Tony Cragg, ribattezzata dai senesi “la pera”.




I piatti tipici

Un viaggio a Siena non può dirsi completo senza che vi lanciate alla scoperta dei prodotti e delle ricette tradizionali del territorio. Ottimi e rinomati dolci ed una offerta gastronomica senza pari sono due caratteristiche che renderanno il vostro viaggio ancora più indimenticabile. È comune portare a casa il dolce tipico, il panforte senese, ma anche formaggi e salumi. Nel primo caso, fra i prodotti d'eccellenza, troviamo il Pecorino di Pienza, ottimo da gustare col miele. Cercate di acquistarlo proprio a Pienza, cogliendo l’occasione per visitare la splendida Val d'Orcia. Fra i salumi, sono invece caratteristici il capocollo e la finocchiona di cinta senese. Se amate i gusti particolari provate il buristo: una grossa salsiccia di maiale, insaporita con uvetta e pinoli. Da non perdere anche i pici senesi, spaghettoni rustici fatti a mano con acqua, farina e olio. Provate i pici all'aglione, una varietà d'aglio della Valdichiana, usata per fare il soffritto, insieme a pomodoro fresco e vino bianco! Altra specialità, molto particolare, sono gli gnudi senesi: ravioli particolari, senza alcuna pasta ad avvolgerli. Vengono preparati con spinaci o bietole, borragine ed ortica, insieme a ricotta e uova, fino a creare delle polpettine da servire con sugo di pomodoro. Infine, la zuppa senese, una sorta di ribollita fiorentina, con cavolo nero, pane 'sciocco' (senza sale) toscano, e fagiolo cannellino, coltura tipica del territorio senese. Se sei amante della carne, la Toscana e la provincia di Siena fanno al caso tuo: dalle grandi specialità nelle cotture alla griglia alla razza chianina, rinomata qualità bovina che è alla base della celebre fiorentina. A Siena è la carne per eccellenza. Se vuoi assaggiare qualcosa di ancora più caratteristico, prova la Cinta senese, oggi riconosciuta punta d'eccellenza del territorio. A fine pasto, arriva il momento del dolce: ricciarelli, cantucci e panforte, il simbolo della gastronomia senese.




Cosa bere a Siena

La Toscana è terra di ottimi vini. Siena è anche terra di Chianti, da apprezzare nel suo rosso Colli Senesi. Come anche zona di produzione del Brunello di Montalcino, uno dei più pregiati vini italiani. Montepulciano è invece terra d'origine del Vino Nobile, altro eccellente rosso delle terre senesi. Se preferite il vino bianco, provate la Vernaccia, corposo vino prodotto nella zona di San Gimignano. Infine, per accompagnare i cantucci, assaggiate il Vinsanto, vino dolce liquoroso che si sposa perfettamente ai famosi biscotti senesi.




Pinacoteca Nazionale

Questo è il Museo statale più importante della città. Tre piani che vi permetteranno di fare un viaggio nella pittura senese dal XIII al XVIII secolo. Al primo piano ci sono le opere di Domenico Beccafuni e Giovanni Antonio Bazzi detto “Il Sodoma”, due dei maggiori interpreti della pittura senese della prima metà del Cinquecento. Al secondo piano troverete la pittura senese dal Trecento alla seconda metà del Quattrocento: Duccio di Buoninsegna, tradizionalmente indicato come il primo maestro della scuola senese, Ambrogio Lorenzetti e Simone Martini. All’ultimo piano, infine, la Collezione Spannocchi Piccolomini, una delle famiglie più importanti di Siena dall’XI al XIX secolo. Ne fanno parte artisti italiani, fiamminghi e tedeschi del Quattrocento e del Cinquecento.




Terre di Siena

Ovvero i dintorni di questa bellissima cittadina. La provincia di Siena è bellissima:  uno dei territori più belli del mondo. I luoghi da visitare sono davvero tanti: a pochi chilometri ci sono Monteriggioni, Bagno Vignoni, San Gimignano, Montalcino, Montepulciano, San Galgano ed altre località bellissime. I comuni del Chianti, quelli della Val d’Elsa, della Val di Merse, le Crete Senesi: tutte terre meravigliose. Luoghi dove poter assaggiare ottimo vino, olio eccellente, il tartufo bianco. Luoghi in cui visitare chiese bellissime, rilassanti terme, grandi monumenti e, infine, eccezionali panorami.  Si tratta di un territorio perfetto anche per chi ama le attività all’aperto: trekking, mountain bike, uscite a cavallo. Tutti luoghi organizzatissimi dal punto di vista turistico e quindi in grado di offrire una vasta gamma di attrattive, eventi, sagre ed attività.  

 

Prenota il tuo viaggio

I nostri consigli:

  • Cosa mettere in valigia: scarpe comode
  • Libro da leggere: A un tratto Siena. Guida poetica della città di Francesco Burroni
  • Periodo consigliato: tutto l'anno
  • Viaggio da fare: in coppia, in famiglia 
  • Aforisma: “Siena è un concentrato di umane sublimità e di estreme follie…" (Mario Luzi)

Leggi altri articoli

VUOI ESSERE IL PRIMO A RICEVERE SCONTI ESCLUSIVI?

Iscriviti alla newsletter

  • Acconsento alla cessione della mia email a terzi per finalità di marketing secondo l'informativa resa (art.5.6);

Per assicurare una ottimale navigazione ed altri servizi offerti, questo sito è predisposto per consentire l'utilizzo di Cookies. Continuando si accettano i Cookies secondo l'informativa consultabile a questo link