Manihi, l’isola delle perle

Manihi é un atollo situato a 175 km da Rangiroa, appartenente all'arcipelago delle Isole Tuamotu nella Polinesia francese. Rappresenta la realizzazione di tutte le nostre fantasie tropicali: un’isola lontana dal mondo moderno, caratterizzata da una laguna cristallina e sede del primo allevamento di perla nera di Tahiti. Scopriamo insieme questo paradiso terrestre!




Mahini





Acque cristalline

Pittoresca ma non solo: Manihi è una destinazione tutta da scoprire! Le acque cristalline di Manihi e le sue spiagge di sabbia fine soddisferanno ogni visitatore. Qui potrete godervi una giornata di snorkeling o pescare a lenza. Fate un giro in kayak tra i coralli multicolore o provate altri sport acquatici al Blue Way Centre De Plongée. L’atollo ospita le vestigia di antichi marae, disseminati sulla corona della barriera corallina, ma è conosciuto soprattutto per l’eccezionale qualità dei suoi fondali sottomarini. Il canale di Turipaoa, sulla riva del quale si trova l’unico villaggio dell’atollo, è un vero paradiso per i sub, che possono lanciarsi all’osservazione di migliaia di pesci che popolano questi magnifici giardini sottomarini. Lungo le scogliere che precipitano a picco verso il fondo è facile ammirare le razze manta, che spiegano le loro maestose “velature”.




Gli allevamenti di perle

Le acque calde e chiare di questo atollo sono l’ambiente ideale per ospitare uno dei più preziosi simboli degli arcipelaghi polinesiani: la perla coltivata di Tahiti. Una perla dalla bellezza universalmente riconosciuta, apprezzatissima dalla gioielleria internazionale. Manihi è stata la prima isola a ospitare, fin dagli anni Sessanta del secolo scorso, le fattorie di perle che le hanno conferito una fama mondiale. Da allora, gli isolani si sono appassionati a questa attività. Ci sono miriadi di allevamenti nella laguna di Manihi e visitarli rappresenta un’esperienza unica che permette di capire l’incredibile lavoro svolto. Nel colorato villaggio di Turipaoa e la Passe troverete un ambiente pacifico e potrete ammirare l’attento ed abile lavoro delle donne che intrecciano i tipici cestini locali. Molte case hanno il proprio allevamento di perle: lo capirete facilmente dalle corde, boe ed ostriche di madreperla appese all’esterno.




Rangiroa, Tuamotu Islands





L’Arcipelago delle Tuamotu

L’arcipelago comprende 76 isole ed atolli (isole basse), sparsi lungo un arco di 1500 chilometri, collocati a ovest delle isole della Società e a sud delle Marchesi. Secondo la mitologia tahitiana, il dio Tukerai, per divertimento, provocò una tempesta tale che le correnti sottomarine agitarono l’Oceano fino a creare le isole Tuamotu. Magellano, le attraversò miracolosamente senza vedere un solo atollo. Il portoghese Queiros le scoprirà nel 1605 e Bougainville le soprannominerà “l’ Arcipelago Pericoloso”. Oggi anche noi possiamo raggiungere questo paradiso formato da isolotti corallini e spiagge incontaminate. Se cercate pace, mare pulito e relax, questo è il posto giusto per voi! Le isole rappresentano la meta ideale anche per gli amanti del diving. Gli abitanti vivono di pesca, della produzione della copra (polpa di cocco essiccata) e della coltivazione delle perle. Abitano in piccoli villaggi di casette semplici ma molto curate e ricche di decorazioni e tipici oggetti di artigianato locale.

Prenota il tuo viaggio

I nostri consigli:

  • Cosa mettere in valigia: costume 
  • Libro da leggere: Perla nera di Liza Marklund
  • Periodo consigliato: estate, autunno
  • Viaggio da fare: in coppia, in famiglia
  • Aforisma: "L'oceano non è solo una massa d'acqua in perenne movimento, ma qualcosa di vivo, un genitore pieno di buon senso e di infinita bellezza." (Sergio Bambarén)

Leggi altri articoli

VUOI ESSERE IL PRIMO A RICEVERE SCONTI ESCLUSIVI?

Iscriviti alla newsletter

  • Acconsento alla cessione della mia email a terzi per finalità di marketing secondo l'informativa resa (art.2.3);

Per assicurare una ottimale navigazione ed altri servizi offerti, questo sito è predisposto per consentire l'utilizzo di Cookies. Continuando si accettano i Cookies secondo l'informativa consultabile a questo link